Il suo sentiero

Pronto per una passeggiata a piedi?


Massiccio dell’Esterel

  • Route Nationale 7 (in direzione di Cannes)

Il rilievo e l’immensa varietà di colori del Massiccio dell’Esterel ne attestano il passato vulcanico. Vero polmone verde, esso forma un rifugio naturale per la fauna. Grazie a un gran numero di sentieri segnalati (pedestri e mountain bike) fiancheggiati da una ricchissima varietà di essenze mediterranee, gli appassionati della natura possono accedere facilmente a questa eccezionale riserva.

Cellule Animation Nature Randonnées Pédestres
Tél. + 33 (0)6 22 30 01 63
Site www.onf.fr

Vente de la carte O.N.F de l’Estérel à l’Office de Tourisme : 10 €

la nature en toute liberté l'esterel

 

 

  • Sentier des Douaniers

Chiedendo in prestito il sentiero dei doganieri che borda il litorale, andate a scoprire uno dopo l’altro, delle grandi spiagge di sabbia fine, delle piccole cricche di cui la sabbia ancora grossolana, manifesta della loro relativa gioventù, e dei calanques rocciosi.
È la mattina presto, con un’attrezzatura riduce, che conviene partire alla scoperta dal bordo di mare. Prendere possesso di un calanque, questo è riscoprire il mondo originario.
Vicino alle coste, la vita soldi marina è la più intensa. Con una semplice maschera, potrete scoprire gli erbari di posidonies, questi piante rubanées che formano ancora delle vere praterie marine o brucano i ricci di mare. Incontrerete anche i pesci di roccia colorata, i polipi, dietro l’irrisorio camuffamento della loro abitazione fa di sassi e di cocci diversi.

 

 

  • Sui sentiero del Malpasset

Lo sbarramento di Malpasset è accessibile ai gitanti, confermati o no. Potete al gradimento di una passeggiata, scoprire il panorama ed osservare le devastazioni della catastrofe di 1959.

Tre circuiti sono proposti :

  • Circuito 1: Piacevole, è il più facile; la diga è localizzata a 1km del piccolo bar. Passate la barriera, a 400 metri trovereto una forca, prendete a destra al piede della diga.
    Questo circuito è relativamente piatto, con alcuni angoli ombreggiati, ma incontrerete alcuni passaggi incidentati; bisogna andare fino alla fine per vedere interi i ruderi della diga.
  • Circuito 2: Siete al Belvedère ed amereste andare al piede della diga; 50 metri dopo il piano avete sulla vostra destra dei eucalipti ed un piccolo sentiero scendono fra due blocchi. è una scorciatoia. Attenti alla discesa!
    Continuate sulla piccola strada fino ha antica dipartimentale 37; a sinistra, il lago di Santo-Cassien, prendete fino al piede destra della diga. Potete se lo desiderate, superare il muro della diga e prendere in il circuito di sotto fino al piccolo bar.
  • Circuito 3: Molto bella passeggiata! Potrete ammirare gli eucalipti, cistes, corbezzoli, immortali e cogliere il timo, della santoreggia e dell’origano (maggiorana). Al Belvédère, continuate la piccola strada; arrivate ad un piccolo incrocio dove si trovano a sinistra una cisterna verde, ed un punto di vista splendido sul circuito dal parcheggio.
    Prendete la pista a destra che scende; continuate fino ha l’anziana dipartimentale 37, e prendete fino al piede a destra della diga.
Sentier Malpasset
Barrage de Malpasset © Felix / xxsgallery.com

 

I Parchi e Giardini…

  • Parco Aurélien

Avenue du Général d’Armée Jean Calliès

La Villa Aurélienne e il Giardino Bouquetier sono vestigia dell’acquedotto romano: on effetti è uno stupendo parco boschivo di una superficie di 22 ettari che protegge un notevole patrimonio storico. 
Aperto tutto l’anno.


Dal 15 settembre al 30 aprile Di 8 h 00 a 19 h 00 tutti i giorni
Dal 1 maggio al 14 settembre Di 7 h 00 a 22 h 00 tutti i giorni

  • Parco de la Villa Marie

447, avenue Aristide Briand

Questo stupendo giardino “alla francese” di due ettari ospita una grande dimora borghese che è diventata la Mediateca della città.

Aperto di 7 h 00 a 20 h 00 tutto l’anno

  • Giardino de Clos de la Tour

Rue Gustave Bret
In questo parco di una superficie di sei ettari si possono scorgere le vestigia livellate di case romane che sono state classificate nel 1981 come “Monumento Storico”. La statua di Hermes bicefalo è stata scoperta proprio qui.

Dal 15 settembre al 30 aprile Di 8 h 00 a 17 h 00 tutti i giorni
Dal 1 maggio al 14 settembre Di 7 h 00 a 19 h 00 tutti i giorni

  • Parco Areca

Avenue Alfred de Musset – Saint-Aygulf

Un paradiso esotico di fronte al mare. Situato all’ingresso di Saint-Aygulf, il Parco Aréca offre speciali bellezze ed esotismo. Palme di varie origini, una formazione di bambù, un querceto, una pineta che si apre su un belvedere, un sentiero botanico e un tavolo di orientamento ne fanno un’eccezionale zona dedicata alla distensione. 
Aperto tutto l’anno.

 

Dal 1 maggio al 30 settembre Di 8 h 00 a 20 h 00 tutti i giorni
Dal 1 ottobre al 30 aprile Di 8 h 00 a 18 h 00 tutti i giorni

Chiusura in caso di maestrale.

Saint aygulf

 

I giardini da non mancare

  • Établissement Kuentz – Le Monde des Cactus

327, rue du Général Brosset
Tél. + 33 (0)4 94 51 48 66 &  Tél. + 33 (0)4 94 95 49 31
Site www.kuentz.com
Mail cactus@kuentz.com
Produttore di cactacee e di piante grasse dal 1907 e insediatosi a Fréjus dal 1937, questo parco centenario presenta al pubblico palmizi, bambù, yucca, cactus, ecc. e più di 2.000 mq di serre
Aperto del martedì al sabato.
Chiuso in gennaio e febbraio.
Chiuso i giorni festivi.

  • M. Jacques Brion – Paysagiste expert en palmiers

Tél. + 33 (0)6 73 44 16 50